it en

Cerca i nostri Eventi

Categoria
Sottocategoria
Testo
Dal
Al
 
Regione del Tour d'Autore
Durata Viaggio
Tipologia tour
Testo

Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell’avere nuovi occhi.                                            

                                                                              Marcel Proust

l
0
 
Il tuo carrello è vuoto
 [ 1 ]  | 
La Diavolata, svolta la mattina di Domenica di Pasqua, simboleggia, in forma allegorica, l'eterna lotta tra il bene e il male e termina, come è ovvio, la vittoria del bene. I personaggi principali sono i diavoli (Lucifero, Belzebù, Astarot, con le sue 40 legioni), la Morte, eterna nemica dell'uomo, l'Umanità, simbolo della speranza, e l'Arcangelo Michele, avversario del demonio.
 
Valutazione: 4 stelle 
L’origine della festa risale alla prima metà del XVI secolo. Da non perdere a mezzanotte a Nisciuta, trionfale e commovente uscita delle Reliquie e del cinquecentesco Simulacro di San Sebastiano fra il suono festoso dei sacri bronzi, le invocazioni dei devoti, il lancio multicolore di nzareddi, lo sparo dei fuochi d’ artificio, le melodie delle bande musicali, accoglieranno il Santo Patrono sul sagrato della Matrice e lo accompagneranno in processione per le vie principali del paese.
 
Valutazione: 5 stelle 
La Festa degli “Archi di Pasqua” è lo spettacolare e suggestivo esito di una competizione artistico-artigianale, unica nel suo genere in Sicilia. Prima della Pasqua, le confraternite rivali dei “Madunnara” (devoti alla Madonna) e dei “Signurara” (devoti a Gesù), sono impegnate nella costruzione di imponenti composizioni di canne e ferle; queste fanno da incastellatura a magnifici addobbi artistici di agrumi, alloro e soprattutto di pane, nelle più svariate forme e dimensioni.
 
Valutazione: 5 stelle 
Ogni anno, dal 3 al 5 febbraio tre giorni di culto, devozione, folclore, tradizioni.Catania offre alla sua patrona una festa straordinaria che può essere paragonata alla Settimana santa di Siviglia o al Corpus Domini di Cuzco, in Perù. In quei tre giorni la città dimentica ogni cosa per concentrarsi sulla festa, misto di devozione e di folklore, che attira ogni anno sino a un milione di persone, tra devoti e curiosi.
 
 [ 1 ]  |